Gita al lago

Gita al lago

Lago parco etnografico RubanoIn un’antica ansa del Brenta, dove prima c’era una cava, oggi c’è un’oasi naturalistica. Un piccolo lago circondato da alti alberi, rifugio di numerosi uccelli, di qualche tartaruga e di chi cerca una natura addomesticata ma sempre affascinante.

Domenica, festa della mamma, mi sono regalata un paio di ore da sola. Ho preso la bici e ho raggiunto il Parco etnografico di Rubano, subito a ovest di Padova. In mente avevo proprio il lago e il periplo delle sue sponde. Un quarto delle rive ricade all’interno del parco, con tanto di sentieri in ghiaia e punti di osservazione, il resto è invece in proprietà privata e il sentiero si fa sempre più stretto fino a diventare una sottile lingua di terra visibile a tratti in mezzo alla vegetazione, esuberante in questa stagione. Ogni tanto si apre una radura, un accesso alle sponde, e quel rumore di foglie mosse può essere un uccello acquatico o un pescatore solitario.

Il lago occupa una superficie di circa 10 ettari e la passeggiata, tra foto e deviazioni, è durata una quarantina di minuti. Non molti ma sufficienti per ritornare a casa stanca e rilassata.

Le foto sono scattate con il cellulare e risentono della scarsa luminosità del crepuscolo ma sono appunti di viaggio più efficaci di tante descrizioni. Quello che non posso condividere è il profumo dolce e penetrante che si diffondeva nell’aria ancora calda di sole e il rumore della radiolina del vecchio turco sdraiato sulla riva.

Note informative

Il Parco etnografico di Rubano è gestito da un’associazione di cooperative sociali, è aperto tutta la settimana, fino a sera tardi, e oltre al lago offre numerosi servizi: la ricostruzione di un casone veneto, sede del museo etnografico; una fattoria didattica; orti sociali; area giochi per i bambini; un forno per il pane e un servizio di ristorazione a km zero. E’ servito da piste ciclabili e ha un vasto parcheggio. Il parco è molto grande e i sentieri sono facilmente percorribili con passeggini (non le rive private del lago).

Mappa parco

 

 

Annunci
Parco faunistico Valcorba

Parco faunistico Valcorba

logo

In mezzo alle campagne della bassa padovana, a Stroppare di Pozzonovo, incastonato tra argini e campi, si trova il Parco faunistico Valcorba.

Aperto nel 2000, ospita numerose specie su una superficie molto ampia (200.000 mq), tra viali alberati, prati, specchi d’acqua, strutture in legno e pietra.

Ho piacere di scrivere qualche riga su questo posto perché mi ha colpito positivamente: molto lontano dall’idea di zoo, è più un rifugio dove proteggere, studiare e preservare alcune delle tante specie a rischio.

L’atmosfera è serena e gioiosa, gli animali sono protetti dai visitatori e hanno ampi spazi a disposizione. I viali larghi e ombreggiati invitano a fruire del parco con lentezza, certi di scoprire qualcosa di straordinario ad ogni angolo.

 

 

I bambini sono i padroni incontrastati: tutto è a loro misura, dai più piccini ai grandi. Non solo i servizi (bagni con fasciatoio, aree gioco con scivoli e altalene, caprette con cui interagire più direttamente, nessun pericolo lungo il percorso, tutta l’area accessibile con i passeggini) ma anche l’interazione con gli animali, i cartelli esplicativi semplici ma completi, la possibilità di conoscere tanti animali, di poterli osservare in un habitat il più possibile coerente al loro originario.

La curiosità è reciproca di fronte ai recinti: a volte il pensiero è che siamo noi visitatori una piacevole distrazione per gli ospiti del parco. O un gustoso bocconcino, visti gli sguardi languidi che qualche grosso felino ha lanciato a mia figlia.

E’ un parco che vale la pena di essere visitato. Noi ci siamo stati tutto il giorno, compresa pausa picnic, ma in un paio d’ore si può girare tutto. Fantastico con i bambini, piacevole senza, ottime possibilità di scattare foto interessanti (se non avete figli da rincorrere o appesi al braccio).

Il parco si mantiene da solo, non può ricevere sovvenzioni, quindi andate numerosi e magari potremmo incontrarci perché ho intenzione di tornarci presto.

***

Il sito del parco è molto accurato e si trovano tutte le informazioni necessarie per organizzare una visita, oltre a tutto quello che volete sapere sugli animali ospitati.