Cortesie per gli ospiti – La crudeltà è servita

Vi capita mai di continuare a leggere un libro anche se vi sta angosciando e sentite il disagio insinuarsi sottilmente sotto il plaid che avete amorevolmente predisposto per la lettura?

A me è capitato con Cortesie per gli ospiti. E conferma la mia opinione, già intuita con Miele, che Mc Ewan sia uno scrittore abilissimo ma perfido.

Senza alcuna pietà per il lettore, usa tutta la sua arte per tenerci incollati alla pagina, anche se non vorremmo fare altro che chiudere e dimenticare quello che abbiamo appena letto. Ma non possiamo. Nessuna delle due.

Intendiamoci: le storie sdolcinate non sono il mio genere, apprezzo una visione realistica e disincantata della natura umana, non per niente adoro la sottile malvagità della Nothomb. Ma in questo romanzo non c’è rispetto dei sentimenti del lettore, la crudeltà traspare fin dalle prime pagine e si riversa fuori dal libro, quasi soffocandoci.

Italia. Una giovane coppia di turisti inglesi affronta con indolenza un mese di vacanza in una famosa città d’arte. Non se ne dirà mai il nome eppure il suo profilo emerge inconfondibile tra i caldi vapori estivi. L’inizio della narrazione è lento, sembra non riesca a distaccarsi dai due turisti, ne descrive morbosamente abitudini carnali e mentali. Poi l’incontro. Una figura losca ma affascinante, che repelle eppure attrae. Una tela di ragno che si sviluppa attorno ai due giovani e al lettore. E non lascia scampo. In un crescendo di tensione che sfocia in un grido di orrore. Il nostro.

Racconto magnifico eppure orribile allo stesso tempo. Come può essere solo l’animo umano.

Cortesie per gli ospiti, Ian McEwan, The comfort of strangers (1997)

Annunci

15 thoughts on “Cortesie per gli ospiti – La crudeltà è servita

  1. Sul comodino ho Espiazione…mi sa che dovrò proprio iniziare a esplorare questo autore. Quando la scrittura ti sorprende, ti spazzola e ti sbatacchia e lo fa ogni volta che ci ripensi significa che merita di essere letta 🙂

    p.s. splendida tovaglia tirolese…ne ho un casino a casa 😛

    Mi piace

  2. Cortesie è un McEwan che mi manca. Ne ho letti diversi suoi, alcuni suoi romanzi sono splendidi (metterei per primi Espiazione e L’amore fatale, ma anche Chesil Beach, snobbato da tutti, mi ha lasciato una traccia profonda), eppure a Ian non riesco a voler bene. Non vado oltre la stima.

    Dopo oltre 3 anni ho deciso di riprenderlo e sto leggendo Solar. Lui scrive da Dio ma il libro lo sto davvero odiando. Penso sia lo scrittore con cui ho il rapporto più conflittuale. Mi piace un sacco 🙂

    Mi piace

Conta fino a tre poi commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...