Katmai National Park and Bearetiquette

Il primo giorno di vacanza, dopo 26 ore di viaggio e 4 di sonno, ci siamo alzati all’alba per tornare all’aeroporto di Anchorage e prendere un volo interno per King Salmon. Da lì un pulmino ci ha portati al nostro idrovolante e con una mezzora di volo siamo atterrati sulla spiaggia di Brooks Camp nel Katmai National Park.

Confusi dalla differenza di fuso orario (10 ore) e di temperatura (quasi 30°C in meno) e preoccupati per la pioggia torrenziale che imperversava dalla mattina, ci siamo diretti al briefing con il ranger. Prima di poter accedere al parco infatti  è obbligatorio seguire un breve corso in cui si impara la bearetiquette, ossia come comportarsi in un territorio frequentato abitualmente da orsi.

Nonostante la spossatezza ero eccitatissima: adoro gli orsi e il mio sogno è sempre stato vederli nel loro habitat. Per l’esattezza il mio sogno sarebbe abbracciarne uno, ma non è molto raccomandabile. Come ci tengono a precisare non bisogna confondere la wildilife con i pets: gli animali selvatici non possono essere accarezzati nè si può dar loro da mangiare. Non bisogna interferire con il loro stile di vita. Mica sono piccioni! Però è dura… soprattutto quando a casa hai una Billy ricolma di orsetti che collezioni da anni!

Per farla in breve, ecco come comportarsi se vi trovate di fronte a un orso:

  1. Cercate di capire che tipo di orso avete davanti: orso nero (baribal) o orso marrone (grizzly).
  2. Se è un baribal fate rumore, alzate le braccia per sembrare più grossi e mettete qualcosa tra voi e lui per farvi da scudo. Dovrebbe scappare.
  3. Se è un grizzly parlategli con un tono di voce calmo e rassicurante e intanto indietreggiate senza voltargli le spalle fino a portarvi fuori dal suo spazio d’azione. Circa un 3o0 metri.
  4. Se nonostante i punti precedenti l’orso dovesse caricarvi potete provare a gettare lo zaino in direzione opposta a quella in cui voi correrete di gran carriera, oppure gettarvi a terra in posizione fetale coprendovi la nuca.
  5. Se vi attacca: fight! Combattete.

Rassicurante vero?

Bisogna però tenere conto che l’orso difficilmente attacca l’uomo: è abituato a essere la punta della catena alimentare e non ha paura degli altri animali. Ma ci sono dei comportamenti che potrebbero crearvi dei problemi, tipo mettervi tra una mamma e i suoi cuccioli, comparire all’improvviso senza annunciare la vostra presenza o portare del cibo nello zaino o tenerlo in tenda.

Ecco, vedere una tenda e uno zaino sbranati da un orso non è molto rassicurante. Quando poi il ranger ti dice che l’orso è capace di scatti velocissimi, sa nuotare e pure arrampicarsi sugli alberi… Non ti senti molto al sicuro.

Dopo mezzora di briefing avevamo la nostra bella spilletta in metallo della bearetiquette, tutto il nostro cibo nel ripostiglio del Signor Ranger e un timore reverenziale verso questi bestioni.

to be continued…

Annunci

2 thoughts on “Katmai National Park and Bearetiquette

  1. Pingback: Katmai #2 | diari alaskani

  2. Pingback: Verso il Parco del Denali #1 | diari alaskani

Conta fino a tre poi commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...